<indietro

L'Apprendere Dolce.

Osservazioni sull' applicazione di alcuni elementi del
metodo suggestopedico in un corso di linguastraniera
di Simonetta Losi, in Scuola e Lingue Moderne, n. 9, dicembre 1995

1 - Premessa
2 - L'importanza di un ambiente piacevole
3 - Nei panni di Pigmalione
4 - Segnali del corpo
5 - Quando Mozart entra in classe
6 - Cartelloni grammaticali: un salvagente nel mare delle parole
7 - Conclusioni
- Bibliografia

1 - Premessa

Acquisire una lingua straniera secondo un principio di "piacere" e non di "dovere", mantenendo e sviluppando il senso del gioco e della scoperta: è questo, in estrema sintesi, l'ideale di ogni studente, non solo di lingua straniera. E' certo che la sua motivazione personale iniziale ha un grosso peso nella riuscita futura del progetto di acquisizione. Ma è altrettanto certo che questa motivazione, se non è adeguatamente incoraggiata, sostenuta e alimentata, appassisce.

Ma cos'è che rende piacevole lo studio? Da questa domanda, e dall'aver riscontrato negli studi di Losanov una possibile - anche se parziale - risposta, è nato il progetto di sperimentare alcuni elementi del metodo suggestopedico, che a nostro avviso possono felicemente integrarsi con un metodo di insegnamento comunicativo. E' importante che la comunicazione avvenga anche a livello non verbale, per sviluppare in quantità e qualità gli stimoli da dare agli studenti e per rendere più fecondo il processo di acquisizione.
Piacere e assenza di tensione, attività didattiche variate, coinvolgenti, che arricchiscono ed esaltano l'individualità dello studente, fanno della pratica didattica quotidiana un'interazione in grado di produrre risultati altamente positivi.

Questo breve studio si basa sulle osservazioni condotte nell'ambito di corsi di italiano per stranieri tenuti nel 1994-1995 presso l'Università per Stranieri di Siena e si propone come contributo per una migliore, più piacevole e più rapida acquisizione di una lingua straniera. L'obiettivo è stato perseguito introducendo nella pratica didattica degli elementi tratti dalle esperienze di Losanov per osservare le reazioni degli studenti e il loro livello di apprendimento. L'osservazione è stata condotta, per il momento, nell'ambito di due diversi corsi di lingua italiana per stranieri tenuti presso l'Università per Stranieri di Siena, e non ha mancato di dare dei risultati che sono, a nostro avviso, significativi.

Abbiamo cercato di sperimentare tecniche che si ispirano ai principi fondamentali della suggestopedia:
- interazione di tipo suggestivo - cioè a livello non solo razionale, ma anche affettivo ed inconscio - tra docente e discente, che favorisce l'apprendimento

- piacere e assenza di tensione contro stanchezza e timore

- pari importanza e considerazione nei confronti della ricezione cosciente e inconscia (Losanov, 1983).

 

2 - L'importanza di un ambiente piacevole

L'ambiente ha una propria specifica funzione nel favorire una forma rilassata dell'apprendimento: i fattori suggestopedici non si riferiscono soltanto all'insegnamento, ma si estendono anche al locale in cui si svolge il corso ed ai mezzi di insegnamento (Losanov, 1983). Anche nella vita quotidiana la maggior parte degli oggetti possiede un carattere simbolico-associativo: vengono riconosciuti a livello conscio come parte di un determinato ambiente, mentre a livello inconscio se ne determina la gradevolezza. L'accettazione o il rifiuto di un certo "habitat" è in relazione anche con le esperienze che il soggetto ha avuto in situazioni analoghe e che spesso sfuggono a una conoscenza personale relativamente poco approfondita del soggetto come sempre accade in questi casi.

Tuttavia esistono degli stereotipi ambientali che possono essere cambiati, determinando un miglioramento nella percezione dell'ambiente aula. Oggi nessuno si sognerebbe di usare banchi di legno scuro dal piano inclinato disposti in file parallele, che oltre ad essere poco pratici richiamano immediatamente l'immagine di un vecchio collegio dove si impartisce un'educazione rigida con metodi antiquati e professori inflessibili.

Questo è solo un piccolo esempio per dimostrare che l'attenzione per la disposizione di un'aula e dell'arredamento che la compone non risponde a considerazioni puramente estetiche.
Un ambiente spazioso, luminoso, che contiene tutti gli apparati tecnici utili allo svolgimento delle lezioni disposti razionalmente e perfettamente funzionanti offre un'immagine positiva e rassicurante.

E' essenziale che le aule siano ben areate, ben riscaldate nelle giornate fredde e non troppo calde in estate. La mancanza di ossigeno dà un senso di oppressione e di torpore. Il freddo crea un tipo di disagio che si trasforma in una sorta di "rattrappimento" anche psicologico; il caldo può generare reazioni di insofferenza e agisce concretamente sul fisico e sul morale di una persona, poiché tende a far abbassare la pressione arteriosa riducendo - o addirittura annullando - la capacità di concentrazione.

Le sedie dovrebbero essere disposte a un semicerchio: in questo modo tutti gli studenti hanno modo di guardarsi e di vedere bene l'insegnante. La sedia dell'insegnante deve essere un po' distante dalle altre in modo da permettere a lui di vedere bene ogni studente e a ogni studente di vederlo e sentirlo bene (Losanov, 1983). Attenzione a non sedersi troppo vicino agli studenti, per non invadere la loro zona intima, ma neppure troppo lontano, per non dare l'impressione di un distacco che certo non favorisce la comunicazione (Birkenbihl, 1993). Una disposizione a semicerchio al posto di quella "a schiere" offre un senso di maggiore coesione e permette spostamenti più rapidi e facili nel caso in cui si richieda un lavoro a piccoli gruppi.

La disposizione delle sedie descritta è particolarmente indicata quando si hanno classi poco numerose . La posizione rotondeggiante dei posti dà un senso di armonia e richiama l'idea di una catena: lo studente è membro di un circolo che ha come punto di riferimento l'insegnante, in posizione "con" gli studenti e non "opposto" ad essi.

Sarebbe opportuno avere a disposizione immagini e poster sull'Italia, che caratterizzino l'ambiente e che possano far superare il senso di estraneità ad esso, oltre ad una grande carta geografica.

E' consigliabile che le cassette audio e video siano predisposte in modo da partire esattamente dal punto previsto dall'insegnante, e che sia facile, tornando indietro, ritrovarlo, per evitare i tempi morti che possono generare impazienza e calo nella concentrazione.


3 - Nei panni di Pigmalione

Numerosi studi hanno recentemente confermato che l'atteggiamento interiore, quello autentico di un individuo trapela sempre all'esterno. Ognuno, a livello inconscio, analizza il linguaggio del corpo e il tono della voce degli altri individui traendo preziose informazioni sulle loro intenzioni, sulla loro personalità e sull'atteggiamento autentico che hanno verso di noi (Birkenbihl, 1993).

L'effetto Pigmalione, che vale anche per gli studenti adulti, si basa su un concetto: l'idea che una persona ha di un'altra si trasmette a questa, anche se non viene formulata verbalmente. La forza e la qualità delle aspettative che nutriamo verso un'altra persona è in grado di influenzare il suo comportamento: gli psicologi definiscono questo fenomeno come "l'avverarsi della profezia". Se accettiamo il concetto che un insegnante si fa un'idea ben precisa del suo allievo, e per estensione della sua classe, plasmandoli in base a questo pre-giudizio, è facile immaginare l'importanza di profezie e aspettative di segno positivo sulla riuscita degli studenti all'interno del processo di apprendimento.

Le aspettative di un'insegnante si trasmettono in tre diversi modi:

- attraverso il linguaggio corporeo;

- attraverso la voce;

- attraverso il metodo di insegnamento (Rosenthal, 1976).

Le persone che hanno aspettative positive nei confronti dei loro studenti riescono a creare un clima socio-emotivo più caldo intorno a loro, danno maggiore retroazione (feedback) circa la qualità delle loro prestazioni, sembrano accordare più informazioni (input) e aspettarsi maggiori risultati, oltre ad accordare loro più opportunità di domande e risposte (output). Secondo gli esperimenti di Rosenthal, gli insegnanti che sono convinti di avere di fronte un buon allievo gli sorridono con maggiore frequenza, fanno movimenti di approvazione con la testa, si chinano su di lui e lo guardano più a lungo negli occhi, esprimendosi anche con un linguaggio del corpo positivo. Sono più portati a lodare lo studente, a correggerne gli errori senza assumere un atteggiamento critico, e stimolano maggiormente a dare risposte dando compiti più impegnativi. In sostanza, un docente che crede di avere a che fare con degli studenti dotati insegna di più e meglio. (Rosenthal, 1976).

Per migliorare la qualità della didattica si può pensare di indirizzare e utilizzare consapevolmente l'effetto Pigmalione. Per un'insegnante motivato, che mantiene intatta la freschezza dell'entusiasmo verso la professione e la curiosità verso gli studenti e la classe che gli verrà assegnata, non sarà difficile autoconvincersi che presto avrà di fronte una classe con individui pieni di potenzialità da far emergere.
L'utilizzo consapevole dell'effetto Pigmalione (Rosenthal-Jacobsen, 1976) serve all'insegnante a comunicare agli studenti in modo conscio, ma soprattutto non verbale, che è convinto della loro riuscita. Questo implica che per ottenere risultati migliori dalle tecniche adottate, l'insegnante deve cambiare atteggiamento mentale. Ogni genitore sa che le acquisizioni più importanti e più stabili dei bambini non derivano da ciò che gli adulti dicono, ma da ciò che fanno, dal loro comportamento, dal loro modo di affrontare la vita e di rapportarsi con l'ambiente che li circonda. L'esempio dato da un genitore o da una figura parentale forte si imprime in maniera indelebile e spesso inconscia nel figlio, determinandone in molti casi comportamenti e atteggiamenti futuri.

Non esiste comunicazione senza partecipazione. La conoscenza e l'utilizzazione di teorie e strategie didattiche da sole non bastano: potremmo dire che stanno nello stesso rapporto che esiste, per esempio, tra una foto e la tecnica fotografica usata per realizzarla. Quest'ultima risulta indispensabile non solo per realizzare una "bella" immagine, ma anche per veicolare l'espressione creativa dell'autore. Per contro, nessuna tecnica, nemmeno la più sofisticata, trasforma una foto in un capolavoro se chi fa "clic" non ha niente di personale da dire.

L'esempio citato non vuole sottintendere un approccio "spontaneistico" all'insegnamento, ma la necessità che l'insegnante sia partecipe, anche emotivamente, del processo di acquisizione dei propri studenti. Se la motivazione dell'allievo non trova adeguato riscontro in quella, complementare, dell'insegnante, è destinata ad affievolirsi. Il processo è anche inverso, con un'importante variabile in più: l'insegnante deve avere a disposizione un bagaglio formativo di strumenti che gli permetta di fare in modo di suscitare e mantenere elevata, in maniera consapevole, la motivazione: deve divenire consapevolmente un modello per i propri studenti. Ciò non significa che debba ammantarsi di perfezione: sarebbe un atteggiamento controproducente, prima ancora che sciocco e presuntuoso. E' importante che sia una persona equilibrata, motivata, che abbia fiducia in sé stessa e nelle proprie capacità, e che sia in grado di trasmettere questi sentimenti proiettandoli sugli studenti. L'analisi transazionale insiste molto sul concetto "io sono ok e anche tu sei ok" (Stewart-Joines, 1990). Questo è, a nostro avviso, il primo passo perché si produca l' "effetto Pigmalione" definito dal metodo suggestopedico. Un insegnante che ha una fiducia autentica nelle capacità potenziali che i propri studenti sono in grado di esprimere durante il corso, e che riesce a far percepire questa sua convinzione, riesce ad ottenere risultati sicuramente migliori di un insegnante che, pur facendo coscenziosamente "il proprio dovere", cova segretamente la convinzione di avere di fronte un gruppo scarsamente motivato e dalle capacità di apprendimento mediocri.

Provare e manifestare sincero interesse per le idee dei propri studenti, per la loro cultura, per il loro modo di vivere e per la cultura del loro Paese; provare e manifestare soddisfazione per i loro progressi, anche minimi, non è piaggeria, né esercizio di "bontà" e umana comprensione: ma un potente motore in grado di suscitare entusiasmo, partecipazione e motivazione.

Saper insegnare è anche saper ascoltare: abbandonare il ruolo stereotipato dell'insegnante-showman che deve parlare continuamente, non si sa se per impiegare il tempo o stupire la classe con gli "effetti speciali" della sua competenza. Ascoltare, stimolare al dialogo, significa far liberare, dopo averci creduto, o meglio, perché ci si crede, le potenzialità linguistiche - ma non solo - degli studenti. L'insegnante, non più costretto a un monologo "amletico" sulle forme del verbo essere e simili, diventa il regista della comunicazione, di cui ogni singolo studente è protagonista.


4 - Segnali del corpo

I segnali del corpo dovranno essere orientati in modo da dare una sensazione di disponibilità e di apertura: movimenti ampi e sciolti, busto eretto e leggermente proteso verso gli interlocutori, sguardo tranquillo, attento e diretto. Bisogna usare generosamente i segnali anche non verbali di incoraggiamento, annuendo, sorridendo, muovendo le mani per sottolineare la correttezza di una risposta o di una frase, correggendo gli errori ripetendo chiaramente la forma corretta, senza dimostrare di darvi tanto peso.

Purtroppo alcuni insegnanti non sanno resistere alla tentazione di dimostrarsi "bravi", facendo pesare gli inevitabili errori agli studenti: credono in tal modo di fare il proprio "dovere", senza rendersi conto delle conseguenze che può avere sulla motivazione una correzione improntata sulla critica. Questi docenti pur accettando, a livello conscio, l'errore, si sentono irritati e frustrati a livello inconscio da una performance non corretta, specie quando questa avviene dopo che sono già state effettuate correzioni e sono già stati dati chiarimenti sul tema, e reagiscono, con un irrigidimento nella postura, con un cambiamento nel tono della voce o dell'espressione del viso, oppure con un movimento brusco del corpo o delle mani: tutti comportamenti che sarebbe meglio evitare.

Siamo d'accordo con Losanov quando afferma che l'insegnante deve avere tre caratteristiche fondamentali: dinamismo, spontaneità, delicatezza (Losanov, 1983). Nella maggior parte dei casi, queste sono espresse a livello non verbale da alcuni atteggiamenti dell'insegnante. Si può imparare, almeno fino a un certo punto, a conoscere e quindi a controllare e usare i movimenti del proprio corpo senza risultare artificiosi (Lowen, 1978).

A livello non verbale, si esprime dinamismo con gesti piuttosto ampi e rapidi, che è consigliabile usare soprattutto al momento di entrare in classe. Un atteggiamento vivace e sorridente permette di "dare la sveglia" anche a chi, in quel momento, è stanco o svogliato; funziona come tonico per tutta la classe e permette di attivare subito la comunicazione, anche attraverso la formulazione di semplici domande del tipo: "come va?" o "cosa avete fatto ieri?".

Nell'insegnante è importante anche il timbro della voce, la chiarezza dell'articolazione, il senso artistico: tutto questo permette di dare un'immagine di sé gradevole e armoniosa (Losanov, 1983). Con una piccola anticipazione sul ruolo della musica e della melodia nel processo di apprendimento di una lingua straniera, possiamo dire che probabilmente un corso di dizione e l'abitudine al canto, due attività che presuppongono il controllo e la modulazione delle espressioni vocali sarebbero molto utili a un insegnante per migliorare la musicalità del proprio discorso, senza imporsi di togliere eventuali lievi inflessioni regionali, a discapito dell'autenticità del modello linguistico.



5 - Quando Mozart entra in classe

Per indurre negli studenti uno stato di assenza di tensione e nello stesso tempo immergerli in un' "atmosfera" percepibile come "italiana", è consigliabile l'ascolto di autori di musica barocca italiana o, in generale, di musica barocca, come per esempio mozart, che oltre ad essere universalmente conosciuto ha molte influenze italiane e rappresenta, nelle sue opere, quella perfezione formale che rende la musica rilassante e di gradevole ascolto.

Alcuni studenti non mancano di esprimere apertamente il proprio gradimento per l'utilizzo della musica, che è visto da molti come innovativo all'interno di un corso di lingua. Anche quando il commento positivo non è così esplicito, è interessante osservare l'espressione gradevolmente sorpresa degli studenti che si trovano per la prima volta a lavorare con una musica di sottofondo, che si scioglie poi in un aperto sorriso di approvazione rivolto all'insegnante. Successivamente, le espressioni di apprezzamento si ripetono quando lo studente riconosce una melodia che gli è familiare o particolarmente gradita.

Le musiche scelte per l'ascolto in classe devono essere melodiose, armoniose, capaci di suscitare emozioni. Nei corsi suggestopedici di lingue straniere si fa un uso prevalente dei classici viennesi - Haydn, Mozart e Beethoven - e dei classici romantici. E' statto dimostrato in maniera inconfutabile, attraverso numerosi esperimenti svolti nell'Istituto scientifico di suggestologia, che l'arte classica crea le condizioni più favorevoli per raggiungere gli obiettivi della suggestopedia, che si propone di valorizzare tutto il complesso delle riserve dell'individuo nelle condizioni dello psicorilassamento-concentrazione (Losanov, 1983).
L'utilizzazione pratica della musica è avvenuta, nel nostro caso, oltre che nel laboratorio linguistico, attraverso l'ascolto, la comprensione e le attività didattiche svolte su canzoni italiane (Murphey, 1991), anche nei momenti di silenzio in classe, come sottofondo per l'attività intellettuale degli studenti. Durante l'effettuazione di un test linguistico scritto la musica è in grado di attenuare l'ansia, producendo un rilassamento che favorisce la concentrazione e migliora il rendimento sia individuale che collettivo.

Alcune melodie possono fare da sfondo anche ad attività di gruppo nella costruzione di dialoghi o nella raccolta ed elaborazione di idee per una successiva esposizione orale. La musica, inoltre, può essere usata, come già indicato da Losanov, come sottofondo per un dettato: flettendo opportunamente la voce durante la lettura secondo la frase musicale, l'insegnante articola ogni parola in maniera chiara, così da mettere foneticamente in rilievo, con l'ausilio della melodia, ogni parola.

Questa operazione richiede una preparazione preliminare da parte del docente, che deve saper controllare il ritmo del proprio respiro e parlare con voce piena e tono rilassato, ricercando l'integrazione armonica tra parole e musica ed evitando ogni contrasto stridente che può generare ilarità o apparire grottesco. Durante la lettura l'insegnante deve spesso alzare gli occhi dal libro e con un gesto o uno sguardo dimostrare una certa attenzione per gli studenti (Losanov, 1983).


6 - Tavole grammaticali: un salvagente nel mare delle parole

Il metodo suggestopedico prevede che le tabelle grammaticali da esporre in classe siano "artisticamente ornate con opportuni disegni che fanno da sfondo oppure con illustrazioni del materiale insegnato" (Losanov, 1983). Nel nostro caso si è tralasciato l'aspetto artistico dei cartelloni, per concentrarci su quello funzionale.
La loro esposizione è l'ultimo atto di un processo di acquisizione basato su attività di tipo comunicativo: deve seguire e non precedere le attività didattiche che prevedono l'uso di nuove forme grammaticali, per evitare che gli studenti si affrettino, durante la lezione, a cercare di memorizzare il loro contenuto.

I cartelloni grammaticali rappresentano per la classe un grande blocco per gli appunti collettivo, che può essere creato sia dall'insegnante che dagli stessi studenti. Durante un esercizio, invece di consultare continuamente un dizionario o perdersi in laboriose ricerche sui libri o sui quaderni degli appunti, basta uno sguardo per localizzare l'elemento mancante. La continua presenza di questo tipo di annotazioni "pubbliche", inoltre, sottoposta ogni giorno allo sguardo degli studenti, fa sì che si realizzi un apprendimento spontaneo del loro contenuto, che diventerà familiare come la forma della cattedra, il tipo di lavagna o la disposizione e il colore delle sedie. Spesso sono gli studenti stessi a richiedere e proporre nuovi cartelloni quando ne ravvisano la necessità via via che il corso va avanti.

Abbiamo notato, oltre ad un frequente uso durante la lezione, anche la volontà di appropriarsi in altra forma dei cartelloni: quasi tutti gli studenti si fermano in classe oltre l'orario della lezione per copiarli sui loro quaderni, a volte anche per discuterli con l'insegnante. Se sono richiesti o proposti nuovi esempi che contengono le strutture in discussione, vengono aggiunti sulle tavole grammaticali. Queste, infatti, non devono essere gigantografie immobili di griglie tratte dai libri di grammatica, ma strumenti modificabili a seconda delle esigenze di apprendimento e delle idee degli allievi.

L'insegnante, da parte sua, userà i cartelloni richiamandosi al loro contenuto ogni volta che si presenterà la necessità di riportare alla mente degli studenti una determinata forma nel corso della lezione.

L'uso di questi supporti didattici dovrebbe comportare da parte dell'insegnante un atteggiamento tollerante nei confronti dei dizionari in sede di esame di fine corso. Non è logico, infatti, usare i cartelloni, che vengono spesso consultati con rapide occhiate dagli studenti, e proibire l'uso del dizionario solo perché vi si trovano spesso le tavole con le coniugazioni dei verbi e gli schemi grammaticali in genere. Il vocabolario è, in queste occasioni, uno strumento rassicurante e quindi anche per questo utile, che avrà un'influenza non determinante sulla performance di uno studente scarsamente dotato o che non si è adeguatamente applicato durante il corso.


7 - Conclusioni

L'interazione tra apprendimento cosciente e inconscio apre campi di ricerca vastissimi, con aspetti in gran parte ancora inesplorati. La glottodidattica si avvale dei contributi di molte altre scienze: pertanto sperimentare nuove tecniche, introducendole nella didassi quotidiana, apre al docente nuovi orizzonti per un insegnamento sempre più consapevole ed efficace. Questo vale anche se non si potranno avere al momento risultati misurabili, perché il corso non è inserito in un programma di esperimenti che prevedono controlli incrociati sui risultati raggiunti . Secondo la nostra esperienza, l'introduzione di alcuni elementi del metodo suggestopedico ha portato a risultati positivi, sia sul piano dell'apprendimento - gli studenti sottoposti a queste tecniche hanno avuto, in media, risultati sensibilmente migliori degli studenti inseriti in corsi precedenti - sia sul piano del rapporto personale docente-allievi.

Un tipo di insegnamento rilassato, infatti, oltre ad essere più incisivo ed efficace, permette di creare i presupposti affinché il corso di lingua straniera diventi anche esperienza umana e formativa in grado di produrre un arricchimento interiore.

Gli studenti sono i primi destinatari di questo sforzo, ma non sono gli unici a ricavarne benefici: l'insegnante è coinvolto in prima persona in questo processo, e può trarne a sua volta vantaggi sia dal punto di vista strettamente professionale che personale.


Riferimenti bibliografici

- BASSIN F. V., SHEKTER I. Y., 1973
"On the Psychological and Methodological Aspects of G. Losanov's Language Teaching System", in: Ministry of Education, Research Institute of Suggestology: "Problems of Suggestology", Sofia: Nauka i Izkustvi, 1973, p. 112

BIRKENBIHL F., V. 1993
Segnali del corpo - come interpretare il linguaggio corporeo, Milano, FrancoAngeli.

GANOVSKI, L., 1975
"The Effect Of Some Of The Means Of Suggestion On The Volume Of Short-Ter Memory", in: "Suggestology and Suggestopaedia", 1 (1975), p. 48-51.

KOLAROVA, D. 1973
"THe Effect Of Suggestopaedic Foreign Language On The Cours Of Neuroses". In: "Ministry Of Education, Research Institute Of Suggestology: "Problems Of Suggestology", Sofia: Nauka I Izkustvi 1973, p. 377-384.

KOLAROVA, D. BALEVSKI, P. 1975
"Neuroses And Suggestopaedic Instruction In A Foreign Language", In: "Suggestology And Suggestopaedia, 1 (1975), P. 39-46.

LOSANOV, G. GATEVA, E. 1983
Metodo suggestopedico per l'insegnamento delle lingue straniere, Roma, Bulzoni.

LOWEN, A. 1978
Il linguaggio del corpo . Milano, Feltrinelli.

MURPHEY, T. 1991
Song and Music in Language Learning - An Analysis Of Pop Song Lyrics And The Use Of Song And Music In: "Teaching English To Speakers Of Other Languages", Peter Lang, Publications Universitaires Européennes, Series XI, Education, Band/vol. 422.

ROSENTHAL R., 1966
Experimenter effects in Behavioral Research, New York.

ROSENTHAL R., JACOBSEN L., 1976
Pigmalione in classe, Milano, Angeli

SCHIFFLER, L. 1986
Recherche empirique sur l'effet de la musique dans l'einsegnement suggestopedique du français. In: "Rassegna Italiana di Linguistica Applicata" 18:2:65-80.

STEWART, I.-JOINES, V. 1990
L'analisi transazionale - Guida alla psicologia dei rapporti umani. Milano, Garzanti.

<indietro