Le mani,
lo sguardo


(Elaborazione elettronica da "El mal de hojo", olio su tela, 40x70 cm., 2001, di Salvador Otero Rodríguez) .

Le mani e lo sguardo sono la materia impalpabile che vibra dentro l'artista e prende forma di corpo quando urta tela, argilla, legno, pietra, carta pesta, l'anima di chi guarda, le stesse ossa di chi, manipolando e mutando, crea.

Chi si lascia toccare dalle mani e dallo sguardo non è più lo stesso, chi tocca con le mani e con lo sguardo non è più lo stesso.

Qui ed in questo momento, si tocca e si è toccati solo con lo sguardo e la fedeltà del mezzo cui ci affidiamo, è accettabile.

Le mani, invece, non si digitalizzano. Toccano, manipolano, trasformano. Percepiscono e valorizzano ciò che c'è tra due punti, la differenza, l'analogia. Non prescindono, vengono implicate all'infinito. Ed in questo, il mezzo qui ci defrauda.

Hanno prestato le loro mani ed il loro sguardo ad "Ameritalia":

- Alessandro Baldi con: "Il logo di Ameritalia
", "Le illustrazioni del n. ' 0 ' di Ameritalia", "Pedazos: Intentar el Fondo (Pezzi: Tentare il Fondo, testi di José Luis Garcés Gonzáles)"

- Salvador Otero Rodríguez con "Ossa dell'anima (Huesos del Alma)"